Un Artelibro tutto nuovo, quello che dal 18 al 21 settembre animerà la città di Bologna con un ricco cartellone di eventi dedicati a grandi e piccini. Giunta ormai all’11° edizione, la kermesse rinnova infatti la sua formula e si amplia in un ancor più ambizioso Festival del Libro e della Storia dell’Arte, inserito quest’anno nel calendario degli eventi del semestre di Presidenza Italiana dell’Unione Europea.

Il programma culturale, come sempre articolato in mostre, cinema, incontri professionali, presentazioni di libri e progetti, conferenze per il grande pubblico, laboratori e attività per ragazzi, ruota quest’anno attorno al tema ITALIA: TERRA DI TESORI; un chiaro rimando alla necessità di “riscoprire” le meraviglie artistiche e culturali del nostro Paese, conservando e valorizzando un patrimonio unico e incomparabile.

In continuità con la sua vocazione originaria, il nuovo Festival affronterà quindi, a partire proprio dai libri e dall’insegnamento della storia dell’arte, il grande tema del patrimonio artistico e culturale italiano, oltrepassando i confini di Palazzo di Re Enzo e del Podestà per ‘invadere’ la città e farla vivere e conoscere nelle sue straordinarie bellezze ai propri cittadini e ai numerosi visitatori.

Decisiva, in questo senso, la collaborazione con le istituzioni pubbliche e private della città, che con le loro sedi e le loro iniziative contribuiranno a rendere ancora più ricca la proposta di Artelibro e ancora più concreta la sua diffusione nel contesto urbano.

Le lezioni italo-francesi apriranno idealmente un’importante sezione di Artelibro dedicata all’insegnamento della storia dell’arte; insieme con i servizi educativi dell’Istituzione Bologna Musei e con le sezioni didattiche di altri musei d’arte, si darà inoltre vita a un programma di attività di laboratorio e visite guidate che coinvolgeranno bambini, ragazzi e famiglie nella conoscenza della storia dell’arte. La Mediateca di San Lazzaro organizzerà “Coloring”, mostra e laboratori dedicati ai libri da colorare, mentre il Museo Ebraico celebrerà la Festa di Purim con un workshop nel quale verranno illustrate le vicende narrate da un piccolo rotolo chiamato meghillah. Giannino Stoppani Libreria per Ragazzi – Cooperativa Culturale Giannino Stoppani e Accademia Drosselmeier propongono invece un programma di mostre, incontri, presentazioni di libri, laboratori e seminari dedicati ai libri per ragazzi che mettono in campo i grandi del mondo dell’arte, da Giotto, Michelangelo, Giorgio Morandi fino agli autori del Contemporaneo.

Per la sezione “cinema”, alla Cineteca di Bologna verrà proiettata la miniserie di quattro episodi dedicata a Ian Fleming e prodotta dalla BBC “Fleming – The Man who would be Bond”, mentre una mostra di eccezionale prestigio intitolata “La scrittura splendente. Tesori manoscritti dalla biblioteche italiane” sarà allestita alla Biblioteca dell’Archiginnasio con alcuni tra i massimi capolavori dell’arte libraria: la Bibbia di Borso d’Este della Biblioteca Estense di Modena (definito “il libro più bello del mondo”, uscito, nei secoli, una volta sola dalla sede in cui è conservato), l’antichissima Bibbia “di Marco Polo” proveniente dalla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, il manoscritto Vita Christi dell’asceta ed esegeta biblico Ludolphus de Saxonia (la più bella tra le opere conservate nella Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna) e, nella versione digitale appositamente realizzata dal Quirinale, il Codex Purpureus Rossanensis, straordinario codice del V secolo in porpora e argento.

Grande rilievo sarà dato al mecenatismo, al collezionismo e al rapporto tra pubblico e privato nella gestione e conservazione del patrimonio artistico. L’Associazione Bancaria Italiana (ABI) e quella delle Casse di Risparmio, affiancate nella curatela da Marco Carminati, offriranno un vero e proprio viaggio attraverso i tesori dell’arte italiana. Il capolavoro la Veduta di Verona col Castelvecchio di Bernardo Bellotto sarà ospitato dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e attorno ad esso sarà realizzato un ciclo di conversazioni tenute da Antonio Patuelli, Paola Marini, Alessandro Morandotti e Marco Carminati, e dedicate al vedutismo veneto, al rapporto tra scienza e arte a partire dall’uso, da parte dello stesso Bellotto e del Canaletto, della camera ottica, e al rapporto tra arte e mercato.

Al tradizionale appuntamento con l’editoria d’arte contribuiranno inoltre i librai antiquari ALAI-Associazione Librai Antiquari d’Italia, affezionati partner di Artelibro, che anche quest’anno hanno confermato la loro presenza nella grande mostra-mercato di Palazzo Re Enzo, dove non mancheranno i libri di pregio e una sezione dedicata a riviste specializzate italiane e straniere. Artelibro apre poi da quest’anno la sua mostra-mercato alle Gallerie d’Arte moderna e contemporanea italiane con una sezione espositiva specifica dal titolo “PROGRAMMA ITALIA. Miti, Archetipi, Nuove Iconografie” a cura di Sergio Risaliti. Felice esempio dell’incontro tra editoria ed arte è invece la mostra al Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna, costruita su 101 copertine di libri di Andrea Camilleri, pubblicati dall’editore Sellerio.

Infine, guide “turistiche” d’eccezione ci porteranno a riscoprire i grandi gioielli artistici di Bologna, tra queste la studiosa Cristina Acidini, Soprintendente per il Polo Museale di Firenze, parlerà delle sculture di Michelangelo nella Basilica di San Domenico, mentre Vittorio Sgarbi illustrerà “Il Compianto del Cristo morto” di Niccolò dell’Arca, ospitato nella chiesa di Santa Maria della Vita.