Il presidente dell’Anac è intervenuto oggi durante la marcia per la legalità che si è tenuta a Ercolano nell’ambito della manifestazione “I centi passi in cammino contro le mafie”. Raffaele Cantone si è espresso in merito agli innumerevoli casi di assenteismo che stanno riempiendo le pagine dei giornali, affermando con decisione che “i fannulloni vanno licenziati se riconosciuti colpevoli”.

Non usa mezzi termini il dirigente dell’Anticorruzione, che nel corso della mattinata si è fermato a discutere con il sindaco Ciro Buonajuto e il comandante del locale corpo dei vigili.

Non si è effettivamente trattato di un caso, dato che la città di Ercolano è stata protagonista di una clamorosa indagine da parte della Procura della Repubblica di Napoli che ha portato all’esecuzione di ben 35 avvisi di garanzia per altrettanti vigili urbani, cui sono stati contestati i reati di truffa ai danni dello Stato e falso.

L’ennesimo caso di assenteismo diffuso tra i lavoratori della pubblica amministrazione, contro il quale si è accanito Cantone, il quale ha ricordato come la definizione di legalità comprenda anche il semplice “essere presenti sul posto di lavoro. É il minimo indispensabile”, per poi approfondire la questione ribadendo come la ”legalità è anche qualcosa in più ed è soprattutto responsabilità e impegno. Non è solo affermazione di parole ma soprattutto di comportamenti”.