Un giovane cittadino francese di nome Sylvestre dovrà ringraziare a vita il suo telefono cellulare perché proprio grazie a questo è riuscito a salvarsi la pelle durante l’attacco a Parigi avvenuto la scorsa notte. Come ha raccontato lui stesso ad un giornalista che lo ha intercettato in strada, Sylvestre è stato colpito da un proiettile mentre si trovava nei pressi dello Stade de France, uno dei luoghi bersaglio durante l’attacco a Parigi e in cui si stava svolgendo l’amichevole tra le nazionali di calcio di Francia e Germania.

Fortunatamente per lui, il proiettile vagante l’ha sì colpito ad un fianco ma grazie alla presenza del telefono cellulare che aveva all’interno della tasca della sua giacca, non ha portato alcuna conseguenza drammatica. Come mostra davanti alle telecamere, Sylvestre ha soltanto un po’ di sangue sul fianco e nonostante il proiettile abbia bucato la maglietta e lo abbia ferito leggermente, la presenza dello smartphone in quello stesso punto ha scongiurato ipotesi per più tragiche per lui.

Sylvestre si considera un miracolato, racconta che si è svolto tutto in pochissimi istanti, “È stato un attimo” ha dichiarato, e visibilmente ancora scosso per quanto accaduto a lui e per l’attacco a Parigi che nel frattempo proseguiva ha tirato un sospiro di sollievo almeno per se stesso.

Il video in cui Sylvestre spiega l’accaduto e mostra il punto in cui il proiettile gli ha forato la t-shirt: