Hayat Boumediene, la compagna di Amedy Coulibaly, uno degli attentatori degli attacchi a Parigi e alla sede del quotidiano satirico Charlie Hebdo, è viva e abita nel Califfato. Lo ha riferito lei stessa, in un’intervista a Dar al Islam, mensile patinato pubblicato sul Web.

E’ la stessa Hayat Boumediene a confermare di vivere “nel Califfato, nella terra governata dalla legge di Dio” nella già citata intervista. Difficile da verificarne l’attendibilità, ma sicuramente è il primo riscontro su una persona attorno alla quale erano girate molte voci.

Lo Stato islamico, attraverso le sue due riviste, in francese e in inglese, diffuse su Internet, mostrano la già citata Hayat con, sullo sfondo della copertina, l’immagine della Tour Eiffel e la scritta: “Che Iddio maledica la Francia”.

Viene presentata come la compagna di Coulibaly, Hayat Boumediene; lei, al fianco nella vita di Abu Bassir Abdullah al Ifriqi (meglio conosciuto proprio come Coulibaly) ma anche nelle idee: “Sono nella Terra del Califfato… nella terra governata dalla legge di Dio”, si legge. La Boumediene, però, non appare in nessuna foto. In compenso lo stato islamico ha annunciato, sempre dalle pagine della rivista, la cattura in Libia 21 copti cristiani.