«Nessuna donna è uguale. Ognuna ha qualcosa di unico e insostituibile».

Parola del regista François Truffaut: Coccinelle rende omaggio alle icone dello stile francese, creature chic che vivono l’eleganza come scelta individuale, essenziali e glam al tempo stesso.

E, per l’Autunno/Inverno 2103-14, propone un cocktail irresistibile di razionalità e sensualità, di esprit metropolitano e voglia di sedurre.

Istinto formal e temperamento casual, una doppia anima per borse tutte da scoprire, audaci ma affidabili.

Star dichiarata dell’ultima collezione Coccinelle è la soft-bag di sapore vintage, in camoscio o in vitello.

Segni particolari: la chiusura a scatto da cartella, la tracolla e le lavorazioni tipiche della selleria, che condivide con borse a mano, clutch, microborsine e sacche.

Attrici co-protagoniste: la raffinata lady-bag dall’anima rétro, alla ricerca del contrasto tra femminilità e rigore; e l’iconica Celeste, che scopre volumi inediti e ritrova il dettaglio prezioso della C rovesciata di metallo.

Le shopper a doppio manico recitano volentieri il ruolo di carry-all: ma riscattano il loro lato utility con mix inediti vernice/wool e fettucce di nappa a passanastro.

Effetti speciali: superfici glossy contro feltri winter, bordi colorati a sorpresa, zip che interrompono la continuità, suede dal tocco velvet.

La luce dell’oro antico percorre le profilature di tasche a battente e workwear bag, mentre minuscole borchie rendono rock le sacche da giorno.

Semplicemente, adoro la protagonista di questa collezione (in foto).

E voi?

 (Seguite Valentina anche su Lookdarifare).