Doveva essere un giorno spensierato, di divertimento, di festa e, invece, si è trasformato in tragedia, in un incubo. È successo ad Agropoli dove, durante la recita scolastica della scuola media “Gino Rossi Vairo”, quella che si organizza ogni anno per scambiarsi gli auguri di buon natale dandosi appuntamento a dopo le feste, Babbo Natale si è accasciato e non si è più rialzato. È morto. Non si trattava, dunque, del copione, non era una scena della rappresentazione teatrale. Pasquale Pagano, questo il nome dell’uomo di 45 anni deceduto, si era prestato a vestire i panni di Babbo Natale e, invece, è morto poco dopo l’inizio della rappresentazione, sotto gli occhi di alunni e genitori che stavano assistendo allo show nell’aula magna dell’istituto.

Immediato l’intervento della preside che ha sospeso la recita mentre i professori hanno immediatamente chiamato il 118. Per Babbo Natale, però, non c’era più niente da fare: è deceduto poco dopo. Inutile ogni tentativo di salvarlo in extremis, di rianimarlo.

Pasquale Pagano è stato colpito da un infarto che gli ha tolto la vita proprio nel momento più bello, quello di una recita scolastica di fine anno davanti a centinaia di bambini, “folgorati” dalle luci e dall’atmosfera incantevole del Natale.