E’ stata scarcerata la madre di una delle due baby squillo coinvolte nel giro di prostituzione ai Parioli di Roma. Dopo l’arresto, avvenuto l’ottobre scorso, il gip Maddalena Cipriani ha disposto per la madre della più giovane delle ragazzine, l’obbligo di dimora e il divieto di incontrare le figlia.

La scarcerazione è stata disposta anche per altre due persone: il commercialista Riccardo Sbarra e Marco Galluzzo, uno dei clienti. Per Sbarra, accusato di aver avuto rapporti con le due ragazzine, ma anche di aver detenuto e divulgato materiale pedopornografico, il giudice ha stabilito l’obbligo di dimora a Roma e il divieto di allontanarsi dall’abitazione dalle ore 21 alle 6 del mattino. I difensori del commercialista, gli avvocati Piergiorgio Micalizzi e Agostino Mazzeo, avevano chiesto al gip di revocare il provvedimento restrittivo essendo venute meno le esigenze cautelari e il rischio di reiterazione del reato alla luce dell’incidente probatorio. Sono stati predisposti gli arresti domiciliari anche per Galluzzo, uno dei clienti dell’appartamento ai Parioli accusato anche di aver ceduto cocaina ad una delle ragazzine in cambio delle prestazioni sessuali.

Foto by InfoPhoto

Leggi anche:

Baby Squillo Parioli: la mamma, “Spaccia, ma stai attenta a ‘sti clienti”

Baby prostitute Roma: Lucignolo 2.0 svela nuovi raccapriccianti dettagli

Baby prostitute Roma: gli sms dei clienti, “Siamo in tre, facci lo sconto”