A Torino, almeno nel capoluogo piemontese, il Partito Democratico sperava di non dover andare al ballottaggio e che nessuno fosse capace di sfidare direttamente il adirato sindaco del PD ed invece Fassino, sindaco in carica ed uscente ha trovato pane per i suoi denti nella candidata del Movimento 5 Stelle Appendino.

La sfida nel primo turno di votazioni di due settimane fa ha visto vincere Fassino con il 41,8% di preferenze mentre la candidata del Movimento di Grillo e Casaleggio ha conquistato il 30,9% delle preferenze. Una fetta importante e bisognerà vedere come il centrodestra occuperà i suoi voti, saranno dati alla grillina o a Fassino?

Il programma di Fassino si sviscera in una decina di punti che partono dall’aiuto e la vicinanza ai giovani, passando per il lavoro, la cura delle periferie, il decoro urbano, la difesa dei diritti, la sicurezza, i trasporti e i servizi sociali. Il programma della candidata Appendino si sposta su l’urbanistica, l’ambiente, l’istruzione, la tutela degli animali, l’attenzione verso i disabili, il lavoro, lo sport e la trasparenza.

La squadra dell’appendono sarà composta da: Sergio Rolando al Bilancio, Guido Montanari all’Urbanistica, Roberto Finardi allo Sport, Sonia Schellino alle Politiche sociali e Stefania Giannutri.