Si chiamava Alessia e aveva 18 mesi. E’ stata uccisa a coltellate nella culla. E’ accaduto nella periferia di Ancona, nella località Collemarino. Il padre, Gianluca Giustini, è stato fermato dai carabinieri, la cui stazione è proprio sotto l’abitazione dove si è consumato l’infanticidio. L’uomo, di professione macchinista nelle ferrovie, ha 34 anni. Da quanto si apprende era solo in casa con la bambina al momento del fatto. La moglie, infermiera di 32 anni, si trovava fuori casa.

Dalle prime ricostruzioni sembra che sia stato lui a telefonarle. I carabinieri sono accorsi immediatamente, richiamati dalle urla che si sentivano tre piani sopra la caserma. All’arrivo dell’ambulanza, la piccola era ancora viva, ma è morta durante il trasferimento. La bambina è stata colpita da tre coltellate, di cui una al cuore. Non sono chiari i motivi dell’omicidio. Giustini si trova nella caserma principale di Ancona, in attesa che il giudice convalidi il fermo.