Tragedia famigliare a Lecco, dove Edlira Dobrushi, 37 anni, casalinga di origini albanesi, ha ucciso a coltellate le sue tre figlie di 13, 10 e 4 anni. A dare l’allarme un vicino di casa, che, insospettito dalle urla, ha chiamato i carabinieri (foto by InfoPhoto). E’ stata poi la donna stessa a suonare alla sua porta, in evidente stato confusionale e completamente imbrattata di sangue. Dopo aver ucciso le sue figlie avrebbe infatti tentato di togliersi la vita tagliandosi le vene. E’ stata trovata così, coperta di sangue ed in stato di choc, sul pianerottolo di casa, quindi, portata in ospedale, ha confessato il triplice delitto: “Sono stata io, le ho uccise io”.

Sono sola. Non mi aiuta nessuno. Non ce la facevo più”, avrebbe mormorato la donna ai medici che le prestavano i primi soccorsi. La paura e le incognite per il futuro suo e delle tre figlie dopo la separazione dal marito, queste le motivazioni che avrebbero spinto la donna ad un gesto tanto disperato. E’ ora ricoverata in stato di fermo all’ospedale Manzoni di Lecco.

I carabinieri hanno intanto rintracciato il marito. I due coniugi si stavano separando, l’uomo aveva da poco iniziato una nuova relazione con un’altra donna e venerdì sera, finito il turno di lavoro, era partito con la nuova compagna, per spiegare ai parenti, come lui stesso ha dichiarato, i motivi per cui avevano deciso di mettere fine al loro matrimonio.