Tanti lo chiamano il “bambino dal mezzo cuore”, ma il piccolo Henry Bromberg è un bimbo di soli 9 anni nato con la sindrome del cuore sinistro ipoplasico, una cardiopatia congenita che rappresenta circa 1% di tutte le malformazioni cardiache congenite, morfologicamente caratterizzata da un ventricolo sinistro piccolo, talvolta virtuale, stenosi critica o atresia delle valvole aortica e mitrale e ipoplasia dell’aorta ascendente e dell’arco dell’aorta, atrio sinistro piccolo e spesso altri difetti cardiovascolari congeniti associati.

Soprannominato proprio per questo motivo con l’appellativo di “Henry Mezzo Cuore“, il piccolo bimbo inglese è spesso costretto in ospedale e a causa della sua malattia non può frequentare la scuola e stare in compagnia dei suoi amici. Henry è alla ricerca di donatore senza il quale il bambino potrebbe anche morire. Da quando è nato Henry si è già sottoposto a 38 diverse operazioni chirurgiche, tra cui tre operazioni a cuore aperto, e per sopravvivere è costretto ad assumere quotidianamente una notevole quantità di farmaci.

“Sarebbe meraviglioso se riuscisse ad avere un cuore nuovo. Sarebbe più di un sogno per tutti noi”, ha detto la mamma al The New Day. ”Ho trascorso la maggior parte della mia vita in ospedale, sin da quando ero un bambino, e devo dire che è piuttosto noioso”, queste le parole riportate dal sito Stroudnewsandjourna.co.uk. Infatti, nonostante il tanto tempo trascorso all’interno delle strutture ospedaliere, il più grande sogno di Henry è quello di sorpavvivere e diventare un giorno un bravo neurologo, capace di guarire e aiutare altri bambini che come lui hanno avuto problemi durante l’infanzia. ”Un cuore nuovo significherebbe tutto per me. Mi piacerebbe viaggiare e imparare a curare i tumori al cervello”.