Un servizio della trasmissione d’inchiesta Report in onda su Rai3 ha gettato ombre sulla condotta del presidente dell’autorità di vigilanza sui mercati Consob Giuseppe Vegas.  La conduttrice e giornalista Milena Gabanelli ha accusato Vegas di aver violato una regola della Consob che invita le banche a essere trasparenti con i risparmiatori, profilando chiaramente gli scenari di rischio degli investimenti. Un investitore è tenuto a sapere quante probabilità ha di perdere i suoi risparmi.

I casi oggetto dell’inchiesta di Report sono quelli che hanno coinvolto la Banca Etruria, la Cassa di Risparmio di Ferrara,  la Banca Marche e la Cassa di Risparmio di Chieti. I risparmiatori hanno riferito di non essere stati informati in modo adeguato sui profili di rischio. Una mancanza che la giornalista addebita al presidente della Consob.

A inchiodare Vegas sarebbe una circolare interna datata maggio 2011 in cui si chiede al presidente della Consob di fare in modo che gli istituti di risparmio elimino gli scenari di probabilità dai prospetti, contravvenendo alle disposizioni europee:

Le banche saranno invitate a non inserire le informazioni sugli scenari di probabilità nel prospetto e ne richiederanno l’eliminazione nel caso in cui qualche banca dovesse farlo di propria iniziativa, conformemente alle indicazioni fornite per le vie brevi dalla signoria vostra.

La Gabanelli invita Vegas a dimostrare di non essere coinvolto nell’eliminazione degli scenari di probabilità dai prospetti:

La signoria vostra è Vegas, che decide, ascoltando il volere delle banche, di non far applicare una raccomandazione, tuttora in vigore, e che avrebbe consentito ai risparmiatori di capire un po’ meglio che cosa stavano comprando. Presidente, o è in grado di produrre la smentita a questa lettera a lei indirizzata, protocollo numero 11038690, altrimenti io credo che responsabilmente lei debba dimettersi.

Codacons: dimissioni Vegas non bastano, Consob in tribunale

Le richieste di dimissioni sono arrivate a gran voce anche da Federconsumatori, da Adusbef  e dal Movimento 5 Stelle, che accusano Vegas di aver privato i risparmiatori truffati di informazioni cruciali sulle obbligazioni subordinate.  Il Codacons oltre a chiedere le dimissioni di Vegas annuncia battaglia in tribunale.