Arriverà solo il 4 aprile del 2017, ma il suo aspetto è noto: stiamo parlando della nuova banconota da 50 euro, che prosegue la serie Europa dotata del dispositivo di sicurezza noto come “finestra con ritratto”.

In pratica la tecnica elaborata dagli specialisti della Bce, che è possibile vedere all’estremità della banconota, presenta il ritratto della figura della mitologica Europa in un ologramma, corredato di un numero verde smeraldo che quando viene mosso diventa blu scuro.

Il tutto ovviamente per garantire in modo semplice e immediato l’autenticità del biglietto. Quella da 50 euro è in realtà la quarta banconota della seconda serie dei biglietti in euro, che ha già riguardato i tagli da 5, 10 e 20 euro.

A rassicurare sulle garanzie offerte dal contante è Yves Mersch, facente parte del comitato esecutivo della Bce, che ha ricordato come siano 338 milioni le persone che vivono nell’area dell’Euro: “La graduale introduzione delle nuove banconote in euro dotate di caratteristiche nuove e avanzate sottolinea anche l’impegno dell’Eurosistema nei confronti del contante quale mezzo di pagamento affidabile ed efficiente”.

I dati offerti durante l’incontro hanno tra l’altro evidenziato una verità contro-intuitiva: il taglio da 50 euro è infatti la più utilizzata, in quanto gli otto milioni di banconote in circolazione costituiscono il 45% del totale.

Si ricorda poi che la produzione della banconota da 500 euro è stata arrestata, in quanto troppo spesso utilizzata in attività criminali. Una decisione presa dalla Bce che ha incontrato l’opposizione di alcuni Paesi della UE. A sostituirla le nuove banconote da 100 e 200 euro della serie Europa di cui si è parlato poco sopra. In ogni caso il taglio da 500 euro verrà comunque ritenuto valido per un periodo di tempo illimitato.