Purtroppo al bilancio delle vittime dell’attentato di Barcellona si deve aggiungere un altro decesso, quello di Julian Cadman, il ragazzino australiano di 7 anni che era stato per disperso durante l’investimento sulla Rambla.

Le autorità spagnole hanno confermato la notizia dopo che i media britannici avevano diffuso la confessione dei famigliari. Si tratta di un epilogo molto triste perché solo ieri il mondo aveva festeggiato la notizia del ritrovamento del bambino, dato per disperso, tra i feriti ricoverati in ospedale.

Non erano però state svelate le sue condizioni di salute, che dovevano essere critiche al momento del ritrovamento. Tuttavia si pensa che il bambino possa essere stato ritrovato già privo di vita, dato che in realtà il conteggio delle vittime non è cambiato dalla giornata di ieri, segno che il suo decesso, almeno per quanto riguarda le autorità, era già stato appurato. La notizia, proveniente da media spagnoli, non era mai stata confermate da polizia, soccorsi o personale medico.

Il ragazzino si trovava a Barcellona insieme alla madre, che è rimasta ferita nell’attentato, ma si trova in condizioni stabili. A dare l’avvio alle ricerche era stato il nonno Tony Cadman, che su Facebook aveva lanciato l’allarme pubblicando una fotografia del nipote e chiedendo aggiornamenti a possibili testimoni.

Il padre Andrew Cadman invece si era subito recato nella città catalana alla ricerca del figlio. La famiglia, ascoltata da BBC News, ha voluto ricordare il piccolo affermando che porteranno “il suo sorriso e la sua memoria nei nostri cuori”.