Erano in tutto cinque i minorenni che a Bari compivano abusi sessuali su una ragazzina di dodici anni. La banda è stata fermata dai Carabinieri locali, che hanno eseguito il provvedimento cautelare del collocamento in comunità per due 17enni e un 15enne (quest’ultimo rinviato direttamente a giudizio), mentre non sono imputabili gli altri due membri, di 13 anni.

Le indagini hanno preso il via a partire dalla denuncia eseguita dai genitori della bambina, con i quali la vittima, dopo che questi ne avevano notato il comportamento inusuale, si era confidata e aveva raccontato le sevizie subite.

La Procura della Repubblica per i Minorenni di Bari ha aperto un’inchiesta durante la quale è risultato che il gruppo di ragazzi la costringevano a subire violenze sessuali di vario tipo. I violentatori sono stati identificati e arrestati, mentre la bambina è stata ascoltata nel corso di un’audizione protetta.

Per assicurarsi il silenzio della ragazzina veniva agitata la minaccia della diffusione di un video in cui la vittima subiva un rapporto con uno dei suoi aguzzini.

Nonostante la bambina piangesse a dirotto e chiedesse aiuto – hanno accertato le indagini – il gruppo non si sarebbe mai tirato indietro e l’avrebbe costretta a sottostare a tutte le richieste dei minorenni.