Si è purtroppo spento il bambino che dallo scorso dicembre era entrato in coma dopo essere stato ricoverato presso l’ospedale Giovanni XXIII di Bari a causa dell’ingerimento di una gomma da masticare che gli aveva occluso le vie respiratorie.

Il piccolo è morto nel reparto di terapia intensiva, dove risiedeva dal 27 dicembre, giorno in cui era avvenuto l’incidente nei pressi di un centro commerciale di Triggiano.

Stando alla ricostruzione degli inquirenti il bambino, accompagnato dalla famiglia in una passeggiata per le feste natalizie, aveva deglutito la gomma mentre correva tra i corridoi del supermercato.

Diversi i tentativi dei presenti di liberare le vie respiratorie: nonostante la pratica della respirazione bocca a bocca la gomma era rimasta incastrata in gola. Il bambino venne così portato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale, e già in quei frangenti le sue condizioni apparivano disperate.

Una volta portato in sala operatoria i medici riuscirono a estrarre la gomma, ma purtroppo il bambino aveva subito danni cerebrali irreversibili per il periodo troppo lungo in cui era rimasto senza respirare.

Il coma profondo sopraggiunto dopo l’operazione è continuato senza cambiamenti fino alla notte di ieri, quando il piccolo è deceduto. La magistratura potrebbe predisporre un’autopsia per accertarsi delle circostanze della morte.