Il web continua ad essere invaso dalle immagini della fuga disperata dal Bataclan preso d’assedio dai terroristi. Impossibile non notare la donna appesa al cornicione di una finestra che continua ad urlare: “Sono incinta“. Quella stessa donna si è salvata e adesso sta bene grazie all’aiuto di chi, durante quegli attimi di paura, ha trovato il tempo di fermarsi ad aiutarla per tirarla su e metterla in salvo. Per questo motivo i parenti della sopravvissuta hanno deciso di trovare il suo salvatore, lanciando un appello che è stato diffuso e condiviso su Twitter, così come ha spiegato il suo amico Frans Torreele all’Huffington Post francese:

“Ha voluto ringraziare tutti colori i quali le hanno regalato un gesto di solidarietà, compreso l’uomo che ha perso alcuni secondi della sua fuga per afferrarle la mano e aiutarla a risalire“.

Grazie al potere del social è stato rintracciato quell’uomo coraggioso, che però ha deciso di rimanere anonimo condividendo la stessa scelta della donna fortunata:

“Dopo l’annuncio su Twitter il fratello dell’uomo che l’ha aiutata mi ha contattato tramite email. Ci siamo scambiati i numeri e ci ha fatto sapere che anche lui stava bene. Era tutto ciò che volevamo sapere”.

Con un piccolo gesto quell’eroe ha, così, salvato la vita di mamma e figlio, così come ha voluto sottolineare Frans:

“È stata salvata da una serie di piccoli gesti, e in quel momento di follia totale, sono stati questi piccoli gesti a compiere grandi cose. Un mano allungata, un tocco su una spalla. Queste persone hanno bisogno di ringraziare e di abbracciarsi“.