Famosa è stata la scalinata di Sanremo per far conoscere a tutti noi uno dei tatuaggi di Belen Rodriguez più intimi: la farfallina. Ora l’argentina torna ancora una volta a far parlare: sotto accusa la nuova campagna presente in tutta Milano in cui pubblicizza un’azienda di intimo. Nella fotografia la statuaria Belen è in procinto di abbassarsi gli slip.

I residenti del comitato Venezia-Buenos Aires hanno presentato una denuncia al commissariato in via Cadamosto, che li ha reindirizzati alla centrale di polizia della Zona3. Attraverso il presidente del Comitato di quartiere Paolo Uguccioni hanno fatto sapere che la pubblicità crea disturbo alle mamme che accompagnano i loro bimbi a scuola. Belen non è la sola ad essere nel mirino: ricordiamo anche Nicole Minetti che durante la Fashion Week di febbraio ha sfilato per il marchio Parah. Conseguenza? Migliaia di commenti di insulti nella fanpage di facebook dell’azienda che è stata costretta a veicolare le strategie di marketing con conseguenti scuse da parte del presidente dell’azienda,Gregori Piazzalunga.Il corpo delle donne ancora al centro della polemica. Qualcosa sta cambiando, grazie al web non si è più spettatori passivi.

Avere testimonial che rubano la scena al brand creando polemica siamo sicuri che sia ancora una forma di comunicazione in voga? Eppure nel marketing c’è ancora chi crede che va tutto bene, purchè se ne parli.

Leggete anche: moda e web, fashion blogger o modelle di internet?

(Seguite Elisa anche sul suo sito ufficiale: Elisadospina.com!)