Oggi Roberto Benigni è stato ospite di Eugenio Scalfari, al Teatro San Carlo di Napoli, per la manifestazione “Repubblica delle Idee”. Il comico e regista toscano ha abbandonato temporaneamente uno dei suoi oggetti di scherno preferiti (Silvio Berlusconi, ndr.) per attaccare a modo suo Matteo Renzi. Benigni si è riferito in particolare ad alcune dichiarazioni fatte dal Premier sulla corruzione (dichiarazioni che puoi leggere qui).

Renzi ha detto ‘I corrotti vadano a casa‘, ma devono andare in galera e restituire i soldi. I corrotti sono deboli e vili, gli ultimi tra gli ultimi. Ci sono momenti in cui decidiamo cosa essere. I corrotti, quando scelgono di prendere dei soldi, decidono per l’eternità di essere dei ladri“.

Per quanto riguarda il successo del Partito Democratico alle ultime elezioni europee, Benigni scherza così: “Quasi il 41% al Pd? Ma non sono arrivati a tanto nemmeno alle loro primarie… in Europa c’è l’ondata di destra e qui vince il Pd, siamo il Paese del miracolo perpetuo“.

photo credit: European Parliament via photopin cc