Con un tweet è stata annunciata la nascita della piccola Mercy, una migrante che è venuta alla luce sulla nave “Aquarius” arrivata stamattina al porto di Catania con 947 persone a bordo. Tutti uomini, donne e bambini che fuggono da guerra e povertà e che sperano, in Europa, di trovare un posto migliore, di dare un futuro ai propri figli, di avere un vita libera e dignitosa. La piccola Mercy è “la quarta figlia dell’Aquarius” - dopo Destine Alex nato a maggio 2016, Newman Otas a settembre 2016 ed Emeka Laska Favour a dicembre 2016 – ovvero la nave con cui Medici Senza Frontiere ed SOS Mediterranée svolgono operazioni di ricerca e soccorso sul Mediterraneo.

Mercy pesa 3 chili e 700 grammi

La piccola Mercy è nata alle 8 del mattino dopo circa 8 ore di travaglio: pesa 3 chili e 700 grammi ed è la secondogenita di una donna nigeriana. Sempre sulla nave “Aquarius” c’erano anche 10 donne in gravidanza e 248 migranti minorenni di cui 214 non accompagnati. I migranti – sbarcati stamattina al porto di Catania – provengono soprattutto da Costa d’Avorio, Bangladesh e Nigeria.

Benvenuta Mercy, soccorse altre 947 persone

Medici Senza Frontiere, dall’inizio delle operazioni nel Mediterraneo centrale, ha soccorso oltre 56mila persone, tutte in fuga da guerra, povertà e persecuzioni. E c’è un’importante novità: l’arrivo di una nuova imbarcazione, la “Prudence”, che potrà ospitare fino ad un massimo di 1.000 persone.