Beppe Grillo è stato tradito dai suoi elettori e, come conseguenza, il suo impegno in politica alla guida del Movimento Cinque Stelle è ormai al capolinea. Il leader del M5S ha lasciato questa mattina la sua villa di Sant’Ilario non commentando la disfatta politica, ma facendo un gesto di disperazione, mimando un coltello che gli trafigge il cuore. Il Movimento Cinque Stelle rimane il secondo partito italiano dietro il Partito Democratico con il 21,1% delle preferenze, ma rispetto alle ultime politiche ha perso quasi cinque punti percentuali.

Il più deluso, ovviamente, è lo stesso Grillo, che ha raccolto due milioni e mezzo di voti in meno rispetto alle elezioni politiche del 2012 e che, invece, si aspettava di diventare il primo partito al mondo. A bordo di una Kia bianca guidata da un autista, il gesto di pugnalarsi al cuore è stato alquanto emblematico. Ora i pentastellati aspettano un gesto da parte di Grillo e Casaleggio, visto che in mattinata era atteso un video sul blog che non è mai arrivato e che risulta irraggiungibile, probabilmente a causa dell’intenso traffico. E la voce di possibili dimissioni di Beppe Grillo inizia a farsi largo, anche se effettivamente l’ex comico non ricopre nessuna carica ufficiale in seno al partito.

LEGGI ANCHE

Elezioni europee 2014: il Pd e Renzi spazzano via tutti gli avversari

Elezioni Europee 2014 Grillo: “Vinciamo noi, gli eredi di Berlinguer”

http://news.leonardo.it/elezioni-europee-2014-grillo-vinciamo-noi-gli-eredi-di-berlinguer/