Beppe Grillo cerca di mettere a tacere le voci che parlano di un dissenso interno al Movimento 5 Stelle provocate dalle polemiche scaturite a seguito delle presunte ingerenze che il direttorio avrebbe esercitato sulle decisioni prese da Virginia Raggi.

In un post del suo seguitissimo blog ufficiale il leader del Movimento annuncia la decisione di allargare ulteriormente l’organo, smentendo così le voci di una sua cancellazione, di pari passo con l’estensione della forza politica: “Il MoVimento 5 Stelle continua a crescere ogni giorno che passa e insieme ad esso anche la sua struttura di coordinamento.”

Grillo si lancia in una sorta di analisi cronologica dell’amministrazione interna del Movimento, ripercorrendo le varie fasi: “Dal novembre del 2014 Alessandro Di Battista, Luigi Di Maio, Roberto Fico, Carla Ruocco e Carlo Sibilia operano come riferimento più ampio del M5S sul territorio e in Parlamento e si confrontano regolarmente con me per esaminare la situazione generale, condividere le decisioni più urgenti e costruire, con l’aiuto di tutti, il futuro del MoVimento 5 Stelle.”

Sfilano nomi noti e meno noti, sia degli attivisti che delle piattaforme informatiche utilizzate dal Movimento: “Dal luglio 2015 Manlio Di Stefano, Nunzia Catalfo, Davide Bono, David Borrelli, Alfonso Bonafede, Paola Taverna, Max Bugani, Marco Piazza, Nicola Morra e Danilo Toninelli operano come responsabili delle funzioni di Rousseau, il sistema operativo del MoVimento 5 StelleDa maggio 2016 David Borrelli e Massimo Bugani fanno parte, assieme a Davide Casaleggio, dell’Associazione Rousseau, fondata da Gianroberto per implementare lo sviluppo degli strumenti di democrazia digitale e aiutare il MoVimento 5 Stelle a crescere ancora.”

E infine la presentazione della nuova squadra, probabilmente ignota a coloro che non seguono da vicino le gesta politiche di quello che si definisce come un anti-partito: “A giugno 2016 è stata presentata la squadra di supporto ai comuni composta da Riccardo Fraccaro (area Nord), Alfonso Bonafede (centro e Sardegna), Giancarlo Cancelleri (Sud e Sicilia).”

Grillo promette una crescita costante, di pari passo con l’esercizio della democrazia diretta: “In futuro continueremo ad evolvere, ad allargare di conseguenza la struttura di coordinamento e a potenziare gli strumenti di democrazia diretta a disposizione degli iscritti per le decisioni dirimenti all’interno del MoVimento 5 Stelle.”

Luigi Di Maio nel frattempo ha avuto modo di commentare su Facebook le affermazioni di chi critica i passi affrettati del Movimento, citando un celebre discorso di Kennedy: “Non è sorprendente che, nel viaggio per il cambiamento, alcuni di noi preferiscano restare al punto in cui siamo ancora per un po’, per riposarsi e attendere. Ma le nostre città, le nostre regioni, questo nostro Paese, tuttavia, non sono sorti grazie a coloro che si sono fermati per attendere e riposare, desiderosi di guardarsi alle spalle. Questo paese è stato fatto grande da coloro che sono andati avanti nonostante tutte le difficoltà. Tutte le azioni grandi e degne di onore sono accompagnate da grandi difficoltà ed entrambe devono essere affrontate e superate con coraggio e senso di responsabilità”.