All’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sono nate due gemelline siamesi. Dopo il parto cesareo programmato, sia la mamma, una giovane donna italiana, che le due bimbe stanno bene.

Un parto cesareo che, vista la straordinarietà, è stato particolarmente complesso. Ad eseguito i medici di Ginecologia e Ostreticia del Papa Giovanni XXIII. Dopo l’intervento, andato bene, le due piccole sono state trasferite nel reparto Patologia neonatale dell’ospedale di Bergamo, dove è già stata reallizzata una speciale culla termica studiata ad hoc per le due gemelline siamesi bergamasche.

La famiglia ha chiesto esplicitamente alla stampa il rispetto per la privacy vista la particolare condizione delle piccole e la particolarità del momento. Quindi sulle condizioni delle due piccole non si hanno molte informazioni. Le due bimbe condividono una parte di addome, e in particolare a livello di organi interni hanno in comune il fegato.

All’ospedale di Bergamo è la prima volta nella sua storia che nascono gemelli siamesi. In effetti si tratta di un evento molto raro: si stima circa un caso ogni 200 mila nascite.

Celebre in Italia il caso delle gemelle Foglia, nate nel 1958 e unite fra loro a livello di bacino che, nel 10 maggio 1965, si sottoposero ad una delicata operazione per “separarsi” presso l’ospedale Regina Margherita di Torino con un team di 25 medici. All’epoca si stratta di un intervento davvero unico e avveniristico. L’operazione Andò bene e le due donne vivono ancora portando avanti una vita normale.