Ilary, così si chiamava la donna che avrebbe dovuto partorire la piccola Sveva e che, non solo ha perso la figlia, ma è anche deceduta subito dopo. E’ successo al Policlinico di Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo, dove Ilaria Oldoni, originaria di Calcinate, ha perso la vita il pomeriggio dell’Epifania: la causa del decesso sarebbe lo shock emorragico.

La paziente, stando alle prime informazioni trapelate, sarebbe stata sottoposta ad un parto indotto, dopo aver appreso che la sua bimba non era più in vita. Poi è deceduta anche lei. Circostanze che hanno spinto l’ospedale ad aprire un’indagine interna: bisogna far luce sulla morte della donna e della bimba.

Bimba morta, aperta indagine

Il compagno della donna, e papà della piccola, ha dichiarato: “Era tutto pronto per accogliere la nostra bimba, Sveva, mentre in poche ore ho perso sia lei sia la mia Ilary”. Uno shock per l’uomo, Michele Calefato che è stato intervistato dal quotidiano “L’Eco di Bergamo”. Al momento, però, la famiglia non avrebbe denunciato i medici né ci sarebbero fascicoli aperti dalla Procura della Repubblica.

L’ospedale, invece, si è subito attivato per capire meglio cosa è accaduto, disponendo una serie di accertamenti diagnostici già affidati ad un istituto di anatomia.