Il comizio del Pdl di oggi pomeriggio a Brescia ha visto Silvio Berlusconi come sempre combattivo, ma contemporaneamente attento a non eccedere, e impegnato a ripetere più volte che non toglierà il sostegno al governo Letta.

La platea di piazza del Duomo non era tutta per lui. Un consistente gruppo di contestatori proveniente dai centri sociali e sventolante bandiere grilline e vendoliane ha rumorosamente fatto sentire la propria presenza.

Berlusconi (foto by InfoPhoto) ha ripreso l’Imu, l’eccessiva pressione fiscale e molti degli argomenti usati nella recente campagna elettorale per le Politiche. Ma il piatto forte, quello che tutti attendevano, è stato quello della giustizia, a pochi giorni dalla conferma in appello della condanna a quattro anni per frode fiscale, inflittagli a Milano. “L’assurda condanna su Mediaset non mi farà fare un fallo di reazione, come qualcuno ha sperato. Continuerò a sostenere il governo” – queste le parole del Cavaliere, che ha così proseguito: “La riforma della giustizia è una necessità per gli italiani. Ieri sera ho visto le immagini di Enzo Tortora quando diceva ai giudici “io sono innocente e spero dal profondo del mio cuore che lo siate anche anche voi”. Ed è questo il sentimento di tantissimi italiani che ogni giorno entrano nel tritacarne infernale della giustizia“.

E ancora: “Dei giudici non imparziali vogliono eliminarmi, perché da 20 anni sono l’unico ostacolo tra la sinistra e il potere.  Se qualcuno pensava di spaventarmi e di intimidirmi si è sbagliato di grosso e resterà deluso. Il Pdl non si fa spaventare e non si fa intimorire“.

Qui sotto un video con un passo del comizio di Silvio Berlusconi.