Mario Monti sembra aver deciso di non candidarsi per le prossime elezioni politiche del 2013. Una decisione, ancora non ufficializzata dal Premier uscente, che metterebbe in seria difficoltà un po’ tutti: i centristi, che sulla figura del Professore volevano costruire la loro campagna elettorale, ma anche Berlusconi, che ora si ritrova con un avversario in meno a suo dire sicuramente inferiore.

I dubbi di Monti restano: i leader del centro – da Casini a Montezemolo – hanno provato a sondare il terreno, ma lui si è trincerato dietro un “mi prendo Natale per riflettere”. Ieri, intanto, giornata da Giorgio Napolitano per Monti, che ha rassegnato le dimissioni. Oggi il presidente della Repubblica comincerà le consultazioni e, già in serata, potrebbe sciogliere le camere.

Intanto in serata nuova offensiva da parte di Silvio Berlusconi: “Il comportamento di Monti mi ha indispettito? No. Non so cosa farà. Aspettiamo di sentire le sue decisioni, che mi sembra di capire verranno esternate nella conferenza stampa di domenica – le sue parole – non l’ho sentito né oggi né dopo la riunione del Ppe in cui gli ho chiesto di essere il capo del rassemblement dei partiti di centrodestra. Non ha ritenuto nemmeno di farmi una telefonata. Io mi vedo costretto ad essere ancora io il federatore dei moderati”.