Timothy Geithner, l’ex segretario del Tesoro americano, conferma che le informazioni contenute nel suo libro sono vere. Geithner dichiara infatti di aver ricevuto richieste dall’Europa per fare cadere Silvio Berlusconi. Dopo che Forza Italia si è scagliata contro il Colle per le rivelazioni circa la presunta combutta europea ai danni dell’ex cavaliere, il Colle replica: “Le dimissioni di Berlusconi furono libere e responsabili” (ne avevamo già parlato qui).

La notizia delle rivelazioni di Geithner avevano provocato le reazioni degli esponenti Forza Italia. Il partito ha voluto difendere Berlusconi che proprio ieri era intervenuto a Uno Mattina accusando le più alte cariche dello Stato di omertà nei confronti di questa vicenda: “Il complotto è una notizia gravissima che conferma quanto dico da diverso tempo e osservo che il Capo dello Stato, i presidenti del Senato e della Camera, il presidente del Consiglio ieri non hanno ritenuto di fare alcuna dichiarazione”.

Giorgio Napolitano ha dichiarato di non essere mai venuto a conoscenza di eventuali pressioni subite da Berlusconi. Gli esponenti di Forza Italia sono uniti nel difendere il presidente del partito. Tra tutti Renato Brunetta, capogruppo alla Camera, che chiede “chiarezza” e trova necessario il fatto che “il Presidente della Repubblica si faccia promotore del più completo chiarimento, spingendo le istituzioni italiane ed europee all’esercizio di un dovere di trasparenza e lealtà verso il popolo italiano. Non si può permettere che il fantasma di un attentato alla Costituzione e di un tradimento della sovranità italiana si aggiri tra le istituzioni italiane ed europee”.

Gasparri, invece, dal canto suo, si chiede: al Quirinale li leggono i giornali? Il Presidente della Repubblica deve garantire la libertà della nostra Nazione. C’è stato o no un complotto europeo con sponde in varie parti del mondo? Si deve difendere la libertà, la dignità, l’autonomia del nostro Paese o no? O il silenzio nasconde una complicità, come molti hanno detto in questi mesi?”.

Foto by InfoPhoto