Procedono bene le cose per Silvio Berlusconi dopo l’intervento cardiaco cui è stato sottoposto martedì. Dopo le prime indiscrezioni fornite da Gianni Letta e dal fratello Paolo Berlusconi, la conferma di come l’operazione di sostituzione della valvola cardiaca sia andata per il meglio e non vi sia stato alcun problema è arrivata dai medici.

Attraverso una conferenza stampa, il cardiochirurgo Ottavio Alfieri e Alberto Zangrillo, medico personale di Berlusconi, hanno dichiarato che tutto sta procedendo nella norma, e hanno anche anticipato che, nel giro di circa un mese, il leader di Forza Italia potrà tornare a fare quello che vuole, persino attività politica.

Il “programma” dell’ospedale San Raffaele di Milano prevede ora per Silvio Berlusconi, tornato ormai a respirare in maniera autonoma, di lasciare il reparto di terapia intensiva per tornare nella sua camera nel reparto di degenza. Tra una settimana è previsto poi per lui l’inizio del periodo di riabilitazione e nei primi giorni di luglio potrebbe già lasciare la struttura.

I due medici che si sono occupati dell’intervento cardiaco su Berlusconi, insieme ad Alessandro Castiglioni, hanno dichiarato che l’ex presidente del Consiglio si trova in “ottime condizioni” e hanno aggiunto che “il cuore è ripartito senza problemi”.

Alberto Zangrillo ha poi annunciato che Silvio Berlusoni potrebbe presto tornare a fare politica: “Abbiamo lavorato per metterlo in condizioni di scegliere quello che vorrà fare. Deciderà lui, ma non penso che si possa dire che non può fare una campagna elettorale o una attività politica”.