Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi è intervenuto telefonicamente ad un convegno organizzato da Partito Popolare Europeo a Palermo e fra i tanti punti affrontati ha toccato anche quello del terrorismo. È proprio quest’ultimo, da diversi giorni ormai (dalla serie di attentati che hanno scosso Parigi, lo scorso venerdì 13 novembre), a catalizzare l’attenzione di tutti, nel timore che nuovi gravissimi episodi possano ripetersi anche altrove in Europa.

Secondo Silvio Berlusconi il modo migliore per vincere la guerra contro il terrorismo sarebbe quello di creare una coalizione internazionale. In realtà, come lo stesso Berlusconi specifica, questa sarebbe la soluzione proposta dal Presidente russo Vladimir Putin, suo grande amico e alleato, che da diverso tempo la proporrebbe anche per affrontare l’altrettanto grave problema dell’immigrazione. La coalizione internazionale contro il terrorismo dovrebbe essere creata sotto l’egida dell’Organizzazione delle Nazioni Unite e avere al suo interno Europa, Russia, Cina, Stati Uniti e alcuni Paesi arabi.

Sempre riferendosi all’emergenza terrorismo, Silvio Berlusconi ha commentato anche la situazione che si sta affrontando in Italia: “In Italia c’è un’emergenza sicurezza. Gli italiani hanno paura, l’avevano anche prima dei fatti di Parigi. Ora hanno paura per quel che potrebbe accadere nei luoghi pubblici, ma prima erano e sono esposti ad attacchi che vengono da una criminalità che non si è stati capaci di reprimere ma soprattutto dalle migrazioni. Oggi la sicurezza è un lusso che si possono concedere soltanto i ricchi, gli altri sono esposti a attacchi che per il 70 per cento circa è compiuto da persone che sono migrate in Italia. In Italia ci sono furti ogni due minuti“.

Nel corso del suo intervento telefonico Berlusconi non si è limitato ad affrontare soltanto il tema dell’emergenza terrorismo ma ha anche parlato della situazione politica italiana e del suo partito, Forza Italia: “Renzi è al 31 per cento, Salvini al 27 per cento, Silvio Berlusconi ancora miracolosamente al 25,8 per cento. Questo risultato nonostante negli ultimi due anni io sia andato in televisione solo sei ore all’anno. Secondo tutti i sondaggisti, con Forza Italia il centrodestra potrebbe superare ampiamente il 40 per cento e potrebbe vincere le elezioni“.