Le sorti di Silvio Berlusconi sono state finalmente decise: l’ex Premier sarà affidato in prova ai servizi sociali. E’ terminata poco fa l’udienza per decidere quale sarebbe stata la pena residua per Berlusconi. Ricordiamo che erano quattro gli anni di condanna, ma le pene sono condonate nella misura di tre anni per via dell’indulto del 2006.

Il processo Mediaset dura da ben 7 anni e mezzo: Silvio Berlusconi nel novembre del 2006 è stato accusato di appropriazione indebita, frode fiscale e falso in bilancio (GUARDA QUI IL GIOCO “SCEGLI LA PENA DI BERLUSCONI”). Le indagini si sono focalizzate sull’acquisto dei diritti di alcuni film americani dal 2001 al 2003. Sembra infatti che Mediaset non li avrebbe comprati direttamente ma da società offshore e, secondo le accuse, Berlusconi avrebbe intascato fondi neri pari a circa 280 milioni di euro in nero (in dollari, lire, franchi francesi e svizzeri e fiorini olandesi), senza pagarvi le tasse e frodando i propri azionisti. Ricordiamo che nel registro degli indagati compaiono anche Federe Confalonieri, Farouk Agrama e altre 7 persone.

LEGGI ANCHE:

Berlusconi servizi sociali: in gioco la campagna elettorale

Berlusconi candidatura: l’Europa dice no al leader di Forza Italia

Renzi appoggio Forza Italia: “Non accettiamo ultimatum”