Le ultime ore di campagna elettorale si infiammano e potrebbero vedere un clamoroso confronto tv tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. Quando ormai mancano soltanto due giorni prima che sabato cali il silenzio per la vigilia del voto, i leader di centrodestra e centrosinistra potrebbero essere i protagonisti di una sfida davanti alle telecamere.

In una nuova intervista concessa a Radio anch’io, Silvio Berlusconi ha negato di aver rifiutato un possibile scontro tv con il “rivale” Matteo Renzi, ma si è anzi reso disponibile. Il tempo prima delle elezioni Regionali e Comunali che si terranno domenica 31 maggio ormai stringe e ci sono a disposizione soltanto oggi e domani perché ciò avvenga.

Berlusconi ha dato il suo ok: “Io non ho fatto saltare alcun confronto tv. A me è stata proposta una intervista, poi è venuto fuori che anche Renzi sarebbe stato presente alla trasmissione Virus. Io non credo che i confronti possano farsi prima di elezioni regionali senza che ci sia un minimo di preparazione, di regole prestabilite per un confronto alla pari. Non mi è stata fatta alcuna offerta, ci sarà il modo di incontrare il signor Renzi. Io non ho timore nel farlo, anzi. Mi piacerebbe di poterlo fare.”

A questo punto, Matteo Renzi accetterà la sfida e prenderà parte a questo atteso incontro-scontro con Silvio Berlusconi, che potrebbe alterare gli ultimi equilibri in vista del voto di domenica? Nel frattempo il leader di Forza Italia, incandidabile per via della Legge Severino fino al 2018, ambisce ad avere comunque un ruolo di primo piano nel futuro del centrodestra: “Non c’è bisogno di essere candidato. Sarò il suggeritore di tutti gli italiani di un progetto per unire i moderati. Il leader salterà fuori.”

Riguardo al suo partito, Silvio Berlusconi assicura che: “Forza Italia non è finita, sarà il lievito di trasformazione dei moderati in una maggioranza politica.” E inoltre lancia un’ulteriore frecciatina a Renzi: “Renzi può modificare la Legge Severino, ma non lo ha fatto per me.”