Silvio Berlusconi si sente tradito da Matteo Renzi. L’ex premier ha infatti confidato nel corso del suo ultimo intervento televisivo che la modifica della legge Severino, tornata a essere discussa negli ultimi giorni per via dello scandalo che ha coinvolto il governatore della Campania Vincenzo De Luca, era presente all’interno del patto del Nazareno. Una dichiarazione che però è stata subito smentita dall’attuale presidente del Consiglio.

Intervistato da Bruno Vespa a Porta a Porta, Berlusconi riguardo alla modifica della legge Severino ha dichiarato: “Assolutamente sì, faceva parte del patto”. E ha quindi aggiunto: “Renzi ha mancato di rispettare la parola data e questa è una cosa molto grave. Il patto con lui era di ridarmi l’agibilità politica dopo la condanna, ma ciò non è accaduto”.

Non si è fatta attendere a lungo la replica da parte di Matteo Renzi, che ha ribattuto: “Forse è una delle sue barzellette, ma non fa ridere. Io non ho mai promesso a Berlusconi una modifica della Severino. Probabilmente si confonde con l’altro Matteo”. Il riferimento è al leader della Lega Nord Matteo Salvini.

Una smentita è poi arrivata anche da Forza Italia, che in una nota ufficiale ha precisato: “Berlusconi non ha mai inteso sostenere che la modifica della Legge Severino o di qualunque altro provvedimento che incidesse sulla sua condizione giudiziaria fosse inclusa nel patto del Nazareno”. Nota che però è stata a sua volta smentita dal capogruppo del partito Renato Brunetta, che sostiene le parole di Berlusconi e dichiara che la modifica della legge Severino faceva proprio parte del patto.

Al di là di queste dichiarazioni controverse, il leader di Forza Italia a Porta a Porta ha lanciato una frecciata anche al presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Non l’ho incontrato, ma fino ad ora non ha dato segni incisivi”.

Riguardo al possibile futuro leader del centrodestra, Silvio Berlusconi ha invece dichiarato: “Spero che possa emergere una leadership con l’accordo di tutti e che questa leadership si imponga con la sua personalità” anche se “trovare un presidente del Consiglio non è una cosa semplice: mi fanno un po’ paura i nomi che circolano in giro di persone che non hanno nessuna esperienza di lavoro, ma hanno fatto solo politica”.