Un uomo solo. Non vi sono altre parole per descrivere l’attuale situazione di Silvio Berlusconi, leader di un movimento diventato minoranza e all’opposizione e che ogni giorno perde sempre più i pezzi. E così, dopo la dipartita di storici come Roberto Formigoni, è di questi giorni la notizia dell’abbandono anche di Paolo Bonaiuti, per 18 anni uomo della comunicazione di Berlusconi. Praticamente, la sua ombra.

Bonaiuti, oggi, incontrerà ufficialmente Alfano per decidere quale ruolo andare a rivestire nel partito dei suoi ex e ora ritrovati colleghi. Berlusconi non parla, ma il suo umore è nero, come ammettono anche alcuni dei suoi fedelissimi. Già, i fedelissimi. C’è Giovanni Toti, ma anche Mara Carfagna, Renato Brunetta, Daniela Santanché; tutta gente che, in un modo o nell’altro, è legata a Silvio Berlusconi. Ma per quanto tempo? Forza Italia è rinato, all’orizzonte sembra tramontare però il regno di Re Silvio.

LEGGI ANCHE

Berlusconi Renzi: “Matteo, devi essere coerente, non come la sinistra”

Marcello Dell’Utri arresto: per Repubblica Berlusconi l’aveva mandato in Libano

Berlusconi Servizi Sociali: le reazioni del mondo politico