Momenti di grande paura, martedì 25 marzo in una scuola elementare di Roma, nella zona Prenestino, dove una bidella ha sequestrato e minacciato, con un paio di forbici in mano, un’intera classe insieme alla maestra (foto by InfoPhoto). La donna, una romana di 36 anni, è entrata nell’aula e si è barricata all’interno. Fortunatamente, un bimbo è riuscito ad uscire dall’aula grazie alla maestra che era riuscita a distrarre la donna, apparsa molto agitata. L’allarme ha innescato l’intervento immediato della polizia ha evitato il peggio: la volante è arrivata sul posto bloccando la donna mentre era ancora nell’aula con gli alunni e la maestra.

All’uscita dalla scuola, i genitori dei bambini hanno inveito contro la 36enne che ha rischiato il linciaggio: portata fuori dagli agenti, è stata trasportata in ospedale dove le è stato fatto un test tossicologico ed è stata sottoposta a un trattamento sanitario obbligatorio. “Gridava frasi senza senso” raccontano alcuni testimoni.

La donna era al suo primo giorno di lavoro ed era una collaboratrice precaria che stava sostituendo una collega. Gli investigatori stanno valutando la sua posizione: rischia seriamente una denuncia per sequestro di persona aggravato da minaccia con arma da taglio.

LEGGI ANCHE

Coniugi si accoltellano: litigio sfociato in tragedia, morto il marito

Arresti appalti case Torino: favori in cambio dei lavori per l’Atc

Terremoto: scosse senza pausa tra Perugia e Pesaro

Aereo scomparso Malesia: l’annuncio “Il jet è precipitato nell’Oceano”