L’estate non è ancora arrivata ma i social lanciano una nuova tendenza allarmante: il bikini bridge. Foto di ragazze stese, in costume da bagno (bikini), dove viene evidenziato lo spazio tra il bordo dello slip e la pelle sostenuto dalle ossa delle anche sporgenti. Una vera mania per alcune, un’ossessione. Nascono pagine su Facebook, hashtag su Twitter e si fa a gara su chi ha il ponte più tirato (ovvero chi ha le ossa più sporgenti).

Un’evoluzione del selfie e del belfie che ritraggono i nostri lati A e B. Già i medici lanciano l’allarme perché queste mode rafforzano gli ideali di magrezza estrema tipici dei soggetti affetti da disturbi alimentari. Il corpo come arma di seduzione, per attirare lo sguardo, o meglio in questo caso i like.

Telefonino in mano, pancia in dentro e via nell’etere quella parte di noi che in questo momento fa “moda”. Beh, per noi curvy lancerò una nuova tendenza: il “love bridge“, ovvero il ponte per chi ha le maniglie dell’amore. Così almeno nessuno sarà discriminato e ci potremo godere in santa pace l’estate alle porte senza ossessioni.

(Seguite Elisa anche sul suo sito ufficiale: Elisadospina.com!)

Leggete anche:

SkinneePix app: l’evoluzione della selfie da foto ad avatar.

Siamo donne, oltre le gambe c’è di più… Non per tutte.

Social networking: Ego 2.0, quando il condividere sovrasta il vivere.

Uomini stalking: le cinque categorie che li identificano.

Miss Italia selezioni: quelle taglie 44 considerate grasse dalla RAI.

Photoshop ha cambiato il nostro modo di vedere le foto?