Ha 14 mesi la bimba che è stata sbranata dal suo cane, un incrocio tra un boxer e un pastore tedesco, e che adesso si trova in ospedale in gravi condizioni. Operata alla testa, è in terapia intensiva con un quadro clinico molto serio. A raccontare l’accaduto è il padre, intervistato da “L’Eco di Bergamo”:

“È stata questione di istanti: la mia bimba camminava avanti e indietro sul divano e, venendo verso di me, è caduta in avanti, finendo sulla seduta accanto a me: a quel punto il nostro cane Leone, che era per terra lì davanti, è scattato e l’ha azzannata alla testa, trascinandola sul pavimento. E non la mollava più: io e due nostri amici, che erano a cena da noi, abbiamo cercato di staccarlo, ma invano. Alla fine gli ho messo la mano in bocca e gliel’ho aperta con la forza della disperazione restando anche io ferito”.

Una lotta per difendere la figlia che è terminata solo quando è arrivata l’ambulanza. Il padre l’ha avvolta in una coperta e l’ha consegnata ai medici che adesso stanno facendo di tutto per salvarla. Il cane, invece, è stato preso in carico dal servizio veterinario: “Non lo voglio più vedere, chiederò che venga abbattuto” ha tuonato il padre della piccola, ancora sotto choc e ora denunciato a piede libero, come atto dovuto, per lesioni colpose.

Eppure il cane non aveva mai dato segni di squilibrio: “Dormiva sotto la culla e nel lettone vicino alla nostra piccola” ha concluso l’uomo.