Si chiama Favour ed è una bimba nigeriana di 9 mesi arrivata a Lampedusa da sola. La sua mamma, incinta del fratellino, era con lei durante la traversata verso la Sicilia ma purtroppo ha perso la vita per le gravi ustioni da carburante.

Favour è stata subito visitata dal dottor Pietro Bartolo responsabile del Poliambulatorio di Lampedusa: “La piccola sta bene – dichiara il dottor Bartolo a Repubblica – Le abbiamo dato del latte, cambiato i vestiti. Era leggermente disidratata, ma sta bene. È rimasta in ambulatorio per alcune ore, poi l’ho accompagnata io stesso nel centro d’accoglienza, consegnandola alla polizia. È in buone mani”.

Il suo nome in italiano significa “Privilegiata” ma ”in realtà – continua il medico – ha già una storia tragica alle spalle. Sul gommone è stata accudita da una donna. I migranti sentiti hanno riferito tutti la stessa versione sulla morte della madre della bimba e questo ci fa pensare che le cose siano andate proprio così. Del resto, purtroppo, non è la prima volta”.