In commercio esistono migliaia di custodie per i più svariati smartphone, eppure non sempre si ha a che fare con accessori del tutto innocui. È quanto svela una vicenda occorsa nel Regno Unito, dove una bambina di 9 anni pare sia rimasta ustionata a causa di alcune sostanze tossiche contenute nel case del suo iPhone. La madre ha quindi deciso di pubblicare un appello su Facebook, affinché altri genitori prestino maggiore attenzione a simili prodotti.

Secondo le ricostruzioni apparse sui social network, di recente la bambina avrebbe acquistato una custodia trasparente per il suo iPhone 5C, decorata con unicorni e ricolma, al suo interno, di coloratissimo glitter. Qualche giorno fa, mentre la piccola si trovava adagiata a letto con lo smartphone poggiato sulla gamba sinistra, il liquido colorato ha trovato una via di fuga dallo strato in plastica, ferendo la bambina. Il risultato è una vistosa ustione, per una cicatrice che potrebbe rimanere visibile per molto tempo.

«Olivia non dovrebbe tenere il suo telefono in camera durante la notte – spiega la madre Karly Retter su Facebook – ma l’ha comunque portato a letto e si è addormentata. [...] La mattina ho notato questa orrenda ustione sulla sua gamba: ero così scossa dall’apprendere come una custodia potesse fare tutto ciò. I medici hanno detto si tratta di una grave ustione chimica, porterà la cicatrice a vita. Non posso crederlo: avrà una cicatrice a forma di telefono sulla sua gamba». E per quanto grave la situazione possa apparire, la bambina è stata oltretutto fortunata, almeno a giudizio dei medici: il liquido tossico le sarebbe potuto colare sul volto durante l’uso dello smartphone oppure colpire gli occhi.

Secondo quanto riportato dalla famiglia, la custodia non riportava nessun avviso di sicurezza. La catena britannica che ha distribuito l’accessorio ha informato di aver rimosso ogni esemplare dai propri negozi, aggiungendo di aver deciso di avviare un’indagine fra i fornitori.

Fonte: Telegraph