Quella del 9 giugno sarà probabilmente l’ultima domenica di blocco del traffico a Milano. Perlomeno sono questi i rumors che circolano tra i corridoi del Comune: l’iniziativa DomenicAspasso, che prevedeva lo stop dei mezzi privati per una domenica al mese da marzo a novembre, potrebbe giungere infatti ad una conclusione anticipata causa costi elevati del programma.

Le stime indicano, per l’appunto, che ogni giornata festiva senza auto e moto dalle 10 alle 18, costa alla città circa 250mila euro, necessari per retribuire i turni straordinari dei vigili e pagare i mezzi pubblici (utilizzabili con un unico biglietto per tutto il giorno. Il potenziamento previsto questa domenica costerà, ad esempio, 140mila euro).

L’assessore al Tempo Libero Chiara Bisconti ha già annunciato che “si valuterà di volta in volta” come procedere, ma ad oggi il blocco previsto per  il 14 luglio – in occasione del Festival degli artisti di strada – e tutto il programma autunnale (8 settembre, per la Settimana della mobilità sostenibile; 13 ottobre, in occasione della Deejay Ten; 17 novembre, per l’iniziativa “Siamo nati per camminare”) sono momentaneamente sospesi.