Ieri alla Camera dei deputati a Montecitorio si è tenuta la cerimonia per il sessantesimo anniversario della presenza dell’Italia all’interno dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Presente all’evento, ovviamente, anche il segretario generale Ban Ki Moon e molti altri diplomatici internazionali. Nel corso della cerimonia la Presidentessa della Camera, Laura Boldrini, è dovuta intervenire per porre fine alla manifestazione in favore dei marò messa in piedi dai deputati di Forza Italia.

Il partito di Silvio Berlusconi ha colto l’occasione di questa importante cerimonia di respiro internazionale per portare ancora l’attenzione sulla vicenda dei due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, la cui vicenda politica e giudiziaria in India non ha ancora trovato una soluzione definitiva. La manifestazione di Forza Italia, con tanto di cartelli, non è però stata gradita dalla Boldrini che, pur comprendendo lo spirito dell’iniziativa, l’ha ritenuta inopportuna, fino a chiedere agli onorevoli colleghi di porre fine alla manifestazione.

Per contro, neppure i deputati di Forza Italia hanno tollerato l’atteggiamento di Laura Boldrini. Per tutti ha commentato Renato Brunetta, capogruppo del partito, che ha dichiarato: “Dispiace che la presidente della Camera nel suo discorso non abbia ricordato al segretario generale dell’Onu questa ferita ancora così profonda e sanguinante nel cuore di tutti gli italiani. Abbiamo voluto ricordare con grande determinazione, con grande monito, a Ban Ki Moon e ai nostri massimi rappresentanti, perché noi non dimentichiamo. Forza Italia non dimentica i nostri marò. Fino a quando non saranno tutti e due liberi, perseguiremo tutte le strade possibili, quella del coinvolgimento, dell’arbitrato internazionale, per avere questo risultato“.

https://twitter.com/renatobrunetta/status/654618520450433024