Sarebbe stato identificato l’attentatore che ha fatto esplodere una bomba a Bangkok, in Thailandia, provocando ventidue morti e oltre cento feriti. L’uomo sarebbe stato ripreso dalle telecamere di sicurezza: nelle immagini diffuse si vede un individuo che veste una maglietta gialla, che ha uno zaino sulle spalle e che si avvicina alla panchina piazzata di fronte al tempo induista per lasciare una borsa e poi allontanarsi.

Il presunto attentatore che avrebbe fatto esplodere la bomba a Bangkok sebbene identificato non è stato però ancora trovato dalle autorità thailandesi, che lo stanno cercando. Gli investigatori stanno anche analizzando i filmati provenienti da altre telecamere di sicurezza, in cerca di maggiori dettagli per fare piena luce in merito alle responsabilità della strage.

Bomba a Bangkok: altro ordigno alla fermata dello Sky Train

La tensione è piuttosto alta nella città thailandese e non soltanto a causa dell’attentato che è costato la vita e molte persone ma anche per tutta un’altra serie di episodio che stanno scuotendo la capitale. Un altro uomo, ad esempio, avrebbe lanciato una granata da un ponte, nei pressi della stazione dello Sky Train: un episodio che si è concluso bene soltanto perché l’ordigno sarebbe finito nel fiume, senza provocare alcun danno.

E mentre si indaga su questi episodi, il governo thailandese tende ad escludere, almeno per il momento, che la bomba a Bangkok e gli altri episodi possano essere attribuiti agli jihadisti (il cui modus operandi sarebbe assai diverso rispetto a quanto accaduto in Thailandia). Molto più probabile, in questo caso, che gli episodi possano essere attribuiti ad un terrorismo di matrice politica e anti-governativa che avrebbe la sua base nella zona nord orientale del Paese.