Con il passare delle ore si chiariscono i contorni delle esplosioni sentite nei pressi della stazione Bayrampasa nella zona europea della capitale turca. Il presidente del municipio di Bayrampasa, Atilla Aydiner, ha dichiarato alla tv ‘A Haber‘ che l’esplosione è stata provocata da un ordigno artigianale costituito da un tubo riempito di esplosivo e schegge di metallo.

La bomba sarebbe esplosa non dentro la stazione della metropolitana ma al suo esterno – su un cavalcavia – e le schegge hanno distrutto i vetri di un treno di passaggio. Probabilmente l’obiettivo era un mezzo della polizia turca. Secondo la tv privata Ntv, alcuni agenti erano passati dal punto dell’esplosione pochi attimi prima che avvenisse.

Il bilancio dell’attentato sarebbe finora di almeno sei feriti e forse una vittima – ed è andata bene visto che la bomba è scoppiata in una zona di forte traffico ed in un’ora di punta. La municipalità ha sospeso la circolazione dei treni, ripresa circa un’ora dopo l’esplosione – che è avvenuta poco dopo le 17 – contribuendo a rendere ancora più caotico il traffico della metropoli sul Bosforo, anche perché sul luogo dell’attentato sono subito accorsi i mezzi dei vigili del fuoco e diverse ambulanze.

Gli inquirenti per ora non escludono nessuna pista. Resta difficile capire la matrice di questo attentato visto che questa azione non sembra essere stata perfettamente organizzata – lo scoppio si è sentito a grande distanza ma a quanto sembra non ha prodotto danni rilevanti.