Buone notizie per il nostro Paese. A svelarle è il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti che, a margine del meeting di Rimini di Comunione e Liberazione, ha spiegato che con l’arrivo del bonus giovani verranno creati 300mila nuovi posti di lavoro. Si tratta di una stima “razionale e ragionevole anche grazie alla mobilità del mercato del lavoro” con uno stanziamento per il bonus di 2 miliardi di euro. Di fatto, verranno forniti degli incentivi ai datori di lavoro che, dunque, potranno assumere con più facilità.

Inoltre, nella legge di bilancio, verrà inserita anche una clausola che “impedirà che si utilizzino i licenziamenti per evitare comportamenti furbeschi”: “Noi vogliamo avere più giovani che lavorano” ha dichiarato il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti consapevole che migliaia di giovani sono stati costretti a lasciare l’Italia per trovare lavoro e fortuna all’estero. In un’Italia che, tra l’altro, ha un tasso di disoccupazione giovanile assai preoccupante.

Non è chiaro, infine, se gli incentivi verranno destinati solo agli under 29 o se il Governo decida nei prossimi giorni di estenderli anche oltre. “Oggi questa definizione di età non è ancora certa. C’è un confronto a livello europeo perché ci sono regole a livello Ue” da rispettare per “evitare discriminazioni” ha concluso Poletti.