Orribile caso di violenza sessuale in Brasile, dove lo scorso sabato mattina una ragazzina di appena 16 anni è stata vittima di uno stupro di gruppo da parte di 33 persone.

La tragedia è avvenuta in una favela di San Paolo: la ragazza si era recata a dormire a casa del suo ragazzo alla periferia occidentale della città. Dopo essersi svegliata si è trovata circondata dall’enorme gruppo di persone, alcune delle quale imbracciavano delle armi improvvisate.

La violenza si è prolungata per più di 36 ore. Una volta ricoverata in ospedale la ragazza ha provato a scappare dall’ospedale varie volte, implorando il personale medico e i famigliari di farla tornare a casa.

A rendere ancora più cupa la vicenda anche la pubblicazione del video dell’assalto sui social network, nel quale la vittima pare essere stata drogata (un dettaglio che potrebbe inasprire la pena comminata ai responsabili, quando verranno arrestati). La ragazza però ha raccolto tutto il proprio coraggio e ha utilizzato lo stesso strumento per parlare di quanto aveva subito, raccogliendo una grande manifestazione di solidarietà.

La polizia nel frattempo ha avviato le indagini e quattro persone sono già state arrestate on l’accusa di aver fatto parte del gruppo: tra questi anche il ragazzo con cui la ragazza aveva una relazione.

A causare sconcerto nell’opinione pubblica del Brasile sono anche i like che i tweet osceni del gruppo hanno raccolto sul web (più di 500), nonché i commenti volgari che sono apparsi per condannare la ragazza.