Incredibile ma vero. Due amanti di Brescia, dopo aver fatto sesso in macchina, sono rimasti chiusi nel bagagliaio della loro auto e, colmo dei colmi, hanno dovuto chiamare il 113 per essere liberati. La coppia di innamorati, lui un uomo di origine marocchina di 54 anni e lei una donna residente ad Adro, si sono appartati con il loro un suv nella zona industriale di Brescia, tra via Castagna e via Buozzi, spostandosi dall’abitacolo della macchina direttamente nel bagagliaio, separato dai sedili posteriori da una grata divisoria in acciaio, probabilmente per avere uno spazio maggiore in cui potersi muovere. Peccato, però, che il bagagliaio in questione è apribile solo dall’esterno, informazione che deve essere sfuggita alla coppia intenta a manifestare le proprie effusioni in un luogo pubblico.

Per loro fortuna, però, nell’alcova improvvisata i due focosi bresciani avevano portato con sé anche i cellulari con i quali hanno immediatamente chiamato la polizia. Attraverso il Gps dei telefoni, la volante della polizia, partita alla ricerca dei due amanti, è riuscita ad identificare la zona in cui i due si erano nascosti in piena campagna, luogo non semplice da rintracciare a causa dell’oscurità e dei fari spenti. Molto imbarazzati i due amanti hanno ringraziato gli agenti che li hanno liberati.