Sono quattro i neonati deceduti a Brescia. Un caso, quest’ultimo, che “non è di interesse della Procura” secondo gli Spedali Civici visto che il piccolo sarebbe “morto poco più di due ore dopo il parto per una gravissima malformazione congenita delle vie aeree superiori”. Per gli altri tre casi di bimbi deceduti gli inquirenti hanno già fatto scattare le indagini con i Nas che hanno acquisito le cartelle cliniche dei tre piccoli pazienti deceduti mentre il Ministro della Salute Grillo ha inviato gli ispettori per far luce su quanto accaduto.

L’autopsia sulla prima neonata deceduta a Brescia è stata effettuata mentre in questi giorni verranno eseguite quelle sugli altri due bimbi morti sabato. Il Ministro della Salute vuole vederci chiaro, vuole sapere se non ci sia correlazione tra i tre (oggi quattro) decessi e se, dunque, ci siano cause diverse per ogni neonato:

Lo dobbiamo a questi bambini che non hanno fatto in tempo ad affacciarsi alla vita, ai loro familiari che abbraccio in questo momento di dolore, e anche a chi lavora con impegno e serietà ogni giorno in una struttura eccellente com’è l’ospedale bresciano.

Dall’ospedale fanno sapere che non ci sarebbe alcun legame tra i decessi dei neonati:

Non sussiste alcuna relazione tra i tre eventi. Si tratta di decessi subentrati a breve distanza l’uno dall’altro, nell’arco di una settimana, ma i quadri clinici rimandano a condizioni di malattia differenti e non appaiono correlati.