Il termine inglese briefing (dal verbo (to) brief ovvero riassumere, dare brevi istruzioni; a sua volta dall’aggettivo ‘brief’ = ‘breve’, derivato dal latino ‘brevis’) viene utilizzato per indicare una breve riunione durante la quale si informano i partecipanti sull’ andamento di un’ operazione, o in cui vengono impartite sintetiche informazioni e istruzioni relative a un compito da svolgere. L’introduzione del briefing ha come finalità il miglioramento della comunicazione all’ interno dell’azienda, favorire trasparenza e fiducia nei gruppi di lavoro, sviluppare senso di responsabilità e partecipazione nella gestione delle attività e migliorare le relazioni capo-collaboratore.

In particolare, nel marketing, con briefing si intende l’ insieme di sommarie istruzioni che il committente fornisce all’ agenzia pubblicitaria circa il lancio di un prodotto o, più in generale, gli incontri tra cliente e agenzia, necessari al fine di elaborare una strategia pubblicitaria. Viene definito brief (discusso nella riunione di briefing) il documento che riassume gli obiettivi di una campagna pubblicitaria o di una ricerca di marketing. Più chiaro e dettagliato sarà il brief, maggiore sarà la corrispondenza del risultato finale con i propri desideri. All’ interno di un’ agenzia, spetta all’ account il compito di tradurre le richieste del cliente in un documento chiaro, che sarà consegnato al team di lavoro. Nel briefing non potranno mancare informazioni preliminari sull’ azienda (caratteristiche dell’ attività, mission, storia aziendale, tipo di comunicazione svolta finora, ecc.), obiettivi del progetto e caratteristiche tecniche, elenco dei competitors, budget disponibile e target di riferimento. Il successo di un progetto di comunicazione dipende infatti anche dal briefing, che dovrà quindi fornire una raccolta esaustiva di informazioni, richieste e obiettivi perseguiti.

Il termine non viene tuttavia utilizzato sono in ambito economico-aziendale, bensì è adottato anche nell’aviazione militare per indicare gli ordini operativi impartiti, prima del volo, agli uomini incaricati di una missione.