Non si placano le polemiche all’interno del Movimento Cinque Stelle. Stando alle ultime indiscrezioni, la deputata grillina Roberta Lombardi avrebbe lasciato lo staff romano del Movimento Cinque Stelle. Il motivo sarebbe da ricercare nello scontro per la nomina di Daniele Frongia a capo di gabinetto del Campidoglio. Scelta che non sarebbe stata gradita dal direttorio della Capitale. La nuova sindaca di Roma, Virginia Raggi, però, parlando coi giornalisti, ha tuonato: “Me lo state dicendo voi, non ne so nulla”.

Immediata la replica di Roberta Lombardi che su Facebook scrive: “Mi spiace deludere coloro i quali in questo momento stanno parlando di liti, gelo o siluramenti rispetto al lavoro che tutti stiamo facendo su Roma. Non è così. In questi giorni il lavoro per Italia 5 Stelle entra sempre più nel vivo. Stiamo preparando tutto affinché la terza edizione di Italia 5 Stelle in programma a Palermo il 24 e 25 settembre vada al meglio”. E poi precisa: “Purtroppo per questo il mio supporto nello staff romano sarà differente: continuerò a dare una mano a Virginia ma dall’esterno sui temi che ho sempre seguito. Credo che insieme abbiamo fatto tante cose molto importanti, per questo oggi Roma è a 5 stelle. In futuro riusciremo a farne altre altrettanto importanti, ma intanto sono certa che Paola, Gianluca e Fabio Massimo riusciranno a sostenere il nostro sindaco giorno per giorno. Adesso è giusto affrontare le priorità di questo Paese e di questa città [...] Abbiamo bisogno di una manovra seria come il reddito di cittadinanza, che affronti il tema della povertà e faccia ripartire l’economia del Paese. Non di polemiche che interessano solo ai giornalisti”.

E’ scontro nel M5s

Intanto è terminato il vertice tra il figlio del co-fondatore del Movimento Cinque Stelle, Davide Casaleggio, e alcuni sindaci, capigruppo comunali e regionali che si è svolto in un noto hotel di Milano. Beppe Grillo proprio ieri ha incontrato la sindaca di Roma ma non avrebbe fatto visita a Roberta Lombardi: il leader del Movimento Cinque Stelle, secondo le indiscrezioni trapelate, avrebbe deciso di appoggiare la Raggi mettendosi contro il mini direttorio che avrebbe dovuto decidere sulla nomina del capo di gabinetto della Capitale.

Non è escluso che nelle prossime ore altri deputati possano dimettersi dal mini direttorio del M5s per prendere le distanze dalle decisioni assunte dalla Raggi e dallo stesso Beppe Grillo che ha deciso di dare grande fiducia alla nuova sindaca di Roma, la vera scommessa del Movimento Cinque Stelle.