Con il termine cabinovia (altrimenti detta telecabina o ovovia) si indica una particolare categoria di funivie dotata di due o più cabine sospese a cavi ed adibite al trasporto dei passeggeri. Più nello specifico, si tratta di un mezzo di trasporto a fune, molto diffuso nelle località sciistiche ed impiegato nella la risalita di forti pendenze o per il superamento di discontinuità naturali.

Tra i vari tipi di impianto a fune possiamo distinguere impianti “chiusi”, in cui rientrano appunto cabinovie, ovovie e funivie, e impianti fune aerea “aperti”, come seggiovie o sciovie (anche dette skilift). La differenza tra le due categorie sta nel fatto che le prime sono dotate di impianti a navicella chiusi (cabine per l’appunto) capaci di trasportare un buon numero di persone contemporaneamente, mentre le seconde sono aperte e hanno portata limitata (in genere da 1 a 4 posti). Molto simili tra loro, ovovie e cabinovie si differenziano sostanzialmente per la forma delle cabine (“a uovo” le prime, più quadrate le seconde), sebbene entrambe si caratterizzino per il movimento continuo delle navicelle. Diverso, invece, è il funzionamento delle funivie vere e proprie, generalmente dotate di due cabine con movimento “va e vieni”, che fanno da spola fra le stazioni estreme di un tragitto, incrociandosi a metà percorso.