Un uomo di 62 anni è stato trovato morto, nei boschi della Romita di Pianello di Cagli, a Pesaro Urbino, probabilmente azzannato da un cinghiale durante una battuta di caccia. A dare l’allarme sono stati i suoi compagni che non l’avevano più visto rientrare e che, quindi, avevano cominciato a preoccuparsi. Dopo averlo cercato, invano, hanno chiamato i vigili del fuoco di Cagli che – intervenendo tempestivamente – lo hanno ritrovato dopo un’ora e mezza ormai privo di vita.

Cinghiale attacca un cacciatore e lo uccide

Il cacciatore si trovava a terra, dissanguato, nei boschi della Romita. Per lui non c’è stato niente da fare, era già deceduto.

L’ipotesi più accreditata è che, a causare la sua morte, sia stato un cinghiale. Continuano, intanto, le indagini dei carabinieri per chiarire l’esatta dinamica dei fatti che ha portato alla morte del cacciatore di 62 anni.